COME SONO BELLO

Volevo dire, che guardandomi allo specchio (lo faccio spesso) mi accorgo che non mi piaccio per niente.

I miei difetti li vedo tutti, non solo quelli che mostrano la mia immagine ma anche quelli nascosti e mi fanno più paura.

Porcamiseria, non volevo essere così, voglio dire… non come adesso ma come sarò in futuro; finora ho scherzato, giocato, raccontato e poche volte ingannato ma mai tradito.

Mi riguardo allo specchio e mi spoglio, ci sono ancora, bel fisico mi dico e mi tocco, è un piacere anzi una goduria, no, non sono brutto.

Guardo indietro e vedo chiaro , guardo avanti e vedo…

Non vedo nulla, non voglio vedere, adesso ho paura, di cosa? Di quel che sento.

Porcamiseria, forse mi sbaglio, mmmh… non ci credo.

Di nuovo, accendo la luce per vedere meglio, adesso quasi mi piaccio ma non sono ancora bello però guardo indietro e mi amo.

Cosa sta succedendo, cosa accadrà, perché mi fa paura?

Mi conosco, so come gestirmi, come trasformarmi, come apparire e purtroppo come svanire.

Ma adesso sono qui, non è successo ancora niente ma state attenti, sto perdendo la pazienza.

Quanto resisterò ancora ? Queste crepe a me evidenti mi fanno star male, mi accorgo di essere più debole, poche ore sopra il letto poco tempo per me stesso.

Adesso mi riprendo, sto già meglio e mi accorgo che sono bello, non per quello che vedete ma per quello che sto facendo.

E’ stato un attimo, che paura!

Fuori c’è il sole, ora piove e domani forse la neve, non importa io sono qua e so aggiustarmi,

oh mio Dio, come sono bello.